NEWSLETTER
Per fare affari sul web
clicca qui é gratis!!

ricerca
+Segnala sito nel nostro motore di ricerca    +Modifica sito
TURISMO SICILIA

Agrigento

Amministrazione

Caltanissetta

Catania

Cultura

Economia

Economia

Eventi Sicilia

Gastronomia

Hotel alloggi appartamenti

Messina

Noleggio auto sicilia

Palermo

Ragusa

Siracusa

Traghetto

Trapani

Trasporti in Sicilia

Turismo

HOME >> TURISMO SICILIA

Storia, Tradizioni e Cultura della Sicilia Sicilia: Storia, Letteratura e Tradizioni
Storia, Tradizioni e Cultura della Sicilia
Terra di conquiste per numerosi secoli, la Sicilia ci appare oggi come un calderone di culture differenti. Le tradizioni di questa terra meravigliosa si mostrano dunque vive più che mai. Entriamo nella letteratura e nella Storia Siciliana attraverso l'approfondimento seguente.

Link sponsorizzati

La Storia della Sicilia
La storia della Sicilia è stata influenzata dai tanti dominatori che sono passati sul suo territorio. Con la sua posizione la Regione ha avuto un ruolo di rilevanza negli eventi storici che hanno avuto come protagonisti i popoli del mediterraneo. La Sicilia ha vissuto nella sua storia periodi nei quali assunse grande importanza nel contesto mediterraneo alternati a fasi anche di forte subalternità. Fu parte delle colonie della Magna Grecia e di Cartagine e cercò di diventare regno indipendente con Ducezio ed Euno. Passata dall'impero romano ai barbari e infine ai bizantini, fu il ventitreesimo thema dell'Impero Bizantino. Il capoluogo non ebbe mai sede fissa: si passò da Palermo, a Taormina, a Siracusa. Il dominio aragonese sancì un iniziale aumento dell'autonomia. Il capoluogo fu sempre Palermo, ad eccezione di un decennio nel Quattrocento, quando la corte si stabilì a Catania. Dalla Rivoluzione Francese all'Unità d'Italia, la corona di Sicilia fu unita a quella di Napoli nel Regno delle Due Sicilie. Con Garibaldi, la Sicilia divenne una delle regioni italiane, ottenendo lo statuto speciale nel 1946. L'avvicendarsi di diverse civiltà ha arricchito la Sicilia di insediamenti urbani, di monumenti e di ricordi del passato che fanno della regione uno dei luoghi privilegiati dove la storia può essere rivissuta.

PER APPROFONDIRE
Assessorato ai Beni Culturali
Almanacco Siciliano
Il Barocco Siciliano


Lingua e letteratura siciliana
Il siciliano, nonostante venga riconosciuta dall'Unesco come lingua, non gode di nessuna forma di tutela nè da parte della Regione Siciliana nè dallo Stato Italiano. La produzione letteraria è stata molto viva nel corso dei secoli (grazie alla corte di Federico II). In questo periodo si sviluppò il primo volgare illustre. Dopo gli svevi questo linguaggio fu ripreso dagli scrittori toscani che ne vennero influenzati (grazie allo stile dei Siciliani, molte delle loro parole ed espressioni passarono nel toscano illustre). I più grandi poeti che si ricordano furono Giovanni Meli e Domenico Tempio, Mario Rapisardi e Ignazio Buttitta. Da ricordare anche romanzieri del calibro di Giovanni Verga e lo stesso Capuana per il verismo, Pirandello, Leonardo Sciascia, Vitaliano Brancati ed Ercole Patti. Salvatore Quasimodo fu un pioniere dell'ermetismo. Ricordiamo anche Giuseppe Tomasi di Lampedusa, famoso per il suo romanzo storico Il Gattopardo. Nell'isola sono presenti alcune minoranze linguistiche (il dialetto gallo-siculo è una variante del siciliano). Le isole linguistiche hanno cominciato ad essere erose nel Novecento, e oggi solo una decina di comuni mantengono la tradizione. Il centro di questa tradizione risiede nella città di Nicosia. Altra minoranza importante è quella albanese. La lingua di questa comunità dipende dall'albanese, ma non è riconosciuta da nessuna istituzione ufficiale.

PER APPROFONDIRE
Parco Letterario Leonardo Sciascia
Centro Studi Storico Sociali
Libri Siciliani


Musica e tradizioni siciliane
La Sicilia è stata culla per molti rappresentanti del mondo musicale. Tra i primi ricordiamo i madrigalisti Sigismondo d'India e Antonio il Verso, e gli operisti Alessandro Scarlatti, Giovanni Pacini e Vincenzo Bellini. Nel XX secolo si sono distinti alcuni compositori siciliani come Girolamo Arrigo, Aldo Clementi, Salvatore Sciarrino e Francesco Pennisi. Nel campo della musica di consumo si ricordano alcune figure di spicco del panorama Pop e Rock nazionale e internazionale: Franco Battiato, Gianni Bella, Marcella Bella e Carmen Consoli. Una parte fondamentale della tradizione siciliana riguarda poi i racconti orali (specialmente quelli di Giuseppe Pitrè). Cunti, fiabe, proverbi, scioglilingua sono solo alcuni degli esempi che si possono fare. Molti di questi racconti non sono ancora stati codificati del tutto. Le tradizioni popolari della Sicilia sono tutt'ora vive. Queste tradizioni hanno creato nel corso dei secoli uno stereotipo che è stato tradotto in parole dal termine sicilianità. Gesualdo Bufalino definiva la Sicilia la terra della "luce e del lutto", un luogo di contraddizioni di estremi che si uniscono. Una terra e un luogo complesso e nello stesso tempo affascinante da scoprire. Notevole è il ritratto lasciatoci da Giovanni Verga nel Ciclo dei vinti. 

PER APPROFONDIRE
Mille Volti
Sicilia Artisti
Sagre e Feste

Link sponsorizzati

Copyright © 2008-2015 Vietato riprodurre i contenuti senza autorizzazione. | Chi siamo | Assistenza | Disclaimer | Informazioni sulla privacy | Dati societari art. 42 Legge 88/2009