NEWSLETTER
Per fare affari sul web
clicca qui é gratis!!

ricerca
+Segnala sito nel nostro motore di ricerca    +Modifica sito
ISTITUZIONI

Ambasciate e consolati

Amministrazioni locali

Associazioni

Bandi di gara

Camere di Commercio

Comuni

Enti e altre istituzioni

Ministeri

Ordine pubblico

Ordini professionali

Partiti politici

Province

Regioni

Unione Europea

HOME >> ISTITUZIONI

Contributi per investire nei Paesi dell’Est Europa IMPORT-EXPORT EST EUROPA
Contributi per investire nei Paesi dell’Est Europa
Con l’entrata nella Comunità Europea, i Nuovi Stati Membri (Paesi dell’Est Europa) avranno a disposizione nei prossimi anni ingenti finanziamenti per favorire programmi di investimento. Vediamo come anche le aziende Italiane possono approfittarne per internazionalizzarsi

Link sponsorizzati

Come è noto l’Europa si è allargata a 25 Paesi. I Nuovi Stati Membri (i Paesi dell’Est Europa), considerati i Paesi più poveri tra i 25 Stati Membri, riceveranno nei prossimi anni la maggiore quantità di aiuti economici da parte della Commissione Europea per favorire gli investimenti. Tale situazione si traduce in una notevole opportunità per quelle aziende Italiane che intendono investire in nuovi impianti di produzione e/o sedi commerciali nei Paesi dell’Est per attività di import-export, che per tali investimenti potranno ricevere finanziamenti a fondo perduto pari al 50% (ed oltre) dei costi totali del programma di investimento.
La situazione del Paesi dell’Est è infatti comparabile con la situazione del Sud Italia negli anni passati (situazione che cambierà dal 2006), ossia una area considerata meno sviluppata e per questo suscettibile di aiuti comunitari volti a favorire gli investimenti in tali territori. Come in Italia è stata utilizzata (ed è ancora in vigore) la Legge 488 che permette alle imprese di coprire fino al 50% dei costi a fondo perduto per gli investimenti al Sud, così nei prossimi anni sarà possibile richiedere contributi per investimenti nei Paesi dell’Est.
A favorire ulteriormente la situazione c’è il fatto che nei Nuovi Stati Membri la cultura del contributo pubblico proveniente dalla Comunità Europea non esiste, pertanto per un certo periodo le domande di contributo avranno una percentuale elevatissima di approvazione (se le domande sono ben fatte, si può arrivare a quasi il 100% di percentuale di approvazione).
A quanto può ammontare il finanziamento?
E’ difficile dare una risposta a tale domanda in termini generali, ossia per tutti i nuovi Paesi, ma si può considerare che mediamente il finanziamento ottenibile è nella forma di contributo a fondo perduto e può arrivare a coprire il 50% ed oltre dei costi di progetto ritenuti ammissibili.
Come fare ad ottenere il finanziamento?
La richiesta di contributo deve essere effettuata attraverso l’utilizzo di leggi locali che regolino l’erogazione dei fondi comunitari (come detto, leggi simili alla “nostra” 488), e tali finanziamenti sono indicati solo per quelle imprese che intendono effettuare investimenti superiori ai 300.000 Euro in tali Paesi.
La conoscenza degli strumenti di finanziamento locali è quindi fondamentale, così come la conoscenza delle modalità di presentazione delle domande di finanziamento. Conviene pertanto affidarsi a degli esperti del settore, in particolare a società di consulenza consolidate che posseggano sedi e/o partner in loco in grado di aiutare le imprese che intendano investire, identificando prima di tutto le reali opportunità e quindi fornendo una assistenza che duri durante tutto il processo di richiesta, ottenimento e gestione del finanziamento.

Link sponsorizzati

Copyright © 2008-2015 Vietato riprodurre i contenuti senza autorizzazione. | Chi siamo | Assistenza | Disclaimer | Informazioni sulla privacy | Dati societari art. 42 Legge 88/2009